Scarica Adobe Flash Player

Commento sent. Corte Costituzionale n. 44/1999

Nel caso di specie la motivazione data dal giudice, “il sentimento religioso cui fa riferimento la norma non è quello del singolo, ma quello della collettività”, riguardante il disposto dell’art. 166 del testo unico dello stato civile (d. 1238/1939), dovrebbe ritenersi, a mio parere, in contrasto con il principio di laicità che fa capo allo Stato Italiano, Paese dove non esiste una religione...
read more

Commento sentenza n 44/1999

Con la sentenza n 44/1.999,decisa dal tribunale di Verona, viene rigettato il ricorso della signora Immacolata che aveva richiesto l’ autorizzazione a cambiare il proprio nome in quanto non credente. Mi preme fare due considerazioni riguardo la sentenza. Innanzitutto secondo me la decisione del giudice risulta essere corretta, in quanto nel nostro ordinamento,analizzando sia le disposizioni del...
read more

COMMENTO SENT. N°44/99 Tribunale di Verona

Avendo letto la sentenza del 1999 n°44, posso affermare di non condividere le motivazioni che hanno spinto il giudice del Tribunale di Verona a rigettare la richiesta della signora Immacolata di cambiare il suo nome con quello di Claudia. Infatti, io credo che la Donna avesse tutto il diritto di ottenere la modifica del proprio nome considerando la sussistenza, nel nostro ordinamento, del...
read more

Commento alla sentenza

La sentenza in esame prende le mosse dall’esigenza avvertita da un singolo individuo di modificare il proprio nome di battesimo poiché dallo stesso ritenuto inadeguato a offrire una reale e immediata presentazione di sé. La richiesta si giustifica alla luce dell’esistenza di un regio decreto del 9 luglio 1939, n. 1238, il quale all’art. 166 n. 1 consente la modifica del nome se questo risulta...
read more

Analisi della sentenza n° 44 del Tribunale di Verona del 1999

Il caso in analisi riguarda una signora, nata a Verona, che ricorre al Tribunale, ai sensi dell’articolo 454 c.c., chiedendo che le sia mutato il prenome di Immacolata posto dai genitori alla nascita. La ricorrente di fatto aveva già sostituito da tempo l’utilizzo del nome Immacolata con il nome comune di Claudia. Il Tribunale di Verona rigetta però la domanda ritenendo che non sussistano i...
read more